Duel E Altri Racconti – Richard Matheson (prima parte)

Duel E Altri Racconti – Richard Matheson (prima parte) 4.00/5 (80.00%) 1 vote

richard_matheson_duel_e_altri_raccontiRaccolta di racconti firmata Richard Matheson, stimatissimo scrittore specializzato in vari generi (su tutti l’horror e la fantascienza… non necessariamente separati), tra le cui opere conoscerete sicuramente Io Sono Leggenda… eccezionale. Introduzione molto bella firmata Ray Bradbury, gran maestro del nostro Richard, a cui da ragazzino spediva lettere contenenti racconti… che poi in parte sarebbero diventati quelli che leggiamo ora in questa raccolta. Piccolo excursus: Matheson oggi, a 80 anni suonati continua a scrivere con grande passione ed abilità, regalandoci tante altre storie e racconti, molte volte passati sotto silenzio, anche per la scarsa applicabilità commerciale. Uno che non guarda molto a questi aspetti e che non accetta di mettere la creatività sotto lunghezza predefinita. Nonostante ciò le persone che si avvicinano a lui tramite il famosissimo Io Sono Leggenda ne rimangono stregate e spesso cercano in lungo e in largo i suoi romanzi/racconti meno popolari… come dice Bradbury una legione di lettori non numerosissima, ma estremamente colta ed affiatata.

Ben 18 racconti a sè stanti, di cui comincerò a parlarvi singolarmente in questo articolo.

Duel.
duel-richard-mathesonPubblicato du Playboy (niente di hot) nel 1971, famosissimo racconto di cui tutti avrete almeno una volta sentito parlare, forse anche per mezzo dell’omonimo film diretto da Steven Spielberg (1971), titolo che ha praticamente lanciato la grandissima carriera del regista americano. Idea semplice, bisticci sulle infinite strade della California, tormentate dall’afa e dal sole. Un imprenditore in trasferta supera un grosso camion con rimorchio, di quelli che trasportano benzina. Il camionista non la prende bene e si rivela essere un pazzo furioso, ingaggiando dapprima un duello di sorpassi e controsorpassi (alla folle velocità di 100 km/h…. siamo negli anni ’70!) e successivamente una caccia all’uomo senza esclusione di colpi. Il camion diventa un terribile ed instancabile predatore, spinto da istinti omicidi e che non è possibile fermare su quello che è il suo terreno: la strada. Uno squalo che ha sentito l’odore del sangue, un gatto che vuole giocare con il topo che ha appena catturato. Riuscirà il nostro povero protagonista a liberarsi dalla sua presenza malefica?

Terzo Dal Sole (Third From The Sun)

terzo-dal-sole-richard-mathesonSpazio alla fantascienza con sorpresa. Racconto breve pubblicato su Galaxy nell’ormai lontano 1950. Sorprende quanto un racconto del genere risulti attuale per i successivi anni della guerra fredda e per i temi che vanno tanto di moda anche in questi anni. Una famiglia normale: marito e moglie, due figli, un maschio e una femmina. Si svegliano presto in una normalissima mattina sul loro pianeta morente. Questione di tempo, di qualche anno, poi una grande guerra tornerà ad abbattersi sul pianeta, eliminando tutta la razza umana. Unica speranza? Levare le tende in gran segreto, con un’altra famiglia uguale, raggiungere clandestinamente un pianeta abitabile e ricominciare li una nuova vita ed una nuova era per la razza umana. Un racconto mitologico mascherato da fantascientifico, che ci propone una nuova idea sulla nostra provenienza… e se fossimo i discendenti di un gruppo di profughi da un pianeta sull’orlo della morte? Lascio l’argomento a Roberto Giacobbo…

Sogni Ad Occhi Aperti

Titolo originale When the Waker Sleeps, pubblicato su Galaxy, sempre nel 1950. Fantascienza filosofica, un racconto molto alla Matrix. Un futuro molto bizzarro, in cui le macchine governano la vita degli uomini. Un’avventura molto cinematografica ed il combattimento contro schifosi esseri di provenienza aliena. Narrazione resa molto confusa in certe parti dal diffuso uso del Tu narrante… una cosa davvero strana! Come già in Terzo Dal Sole, e come spesso accade nei racconti di Matheson, ecco un cambio di prospettiva finale. Un’umanità decaduta, costretta a sognare per vivere… come dicevo, molto Matrix.

Il pensiero gli trafisse il cervello come una coltellata dolorosa: questa è la fine della nostra razza, il picco infelice dell’evoluzione dell’uomo. Questa è la corruzione finale.

Nato d’uomo e di donna

Pubblicato nell’estate 1950 su Fantasy & Science Fiction (questa lettura si sta rivelando un vero e proprio viaggio indietro nel tempo), Born Of Man And Woman si può catalogare come uno dei racconti più strani e meno chiari di Matheson. Inanzitutto per come è strutturato e scritto. Un diario in prima persona, scritto alla maniera di un bambino delle elementari (Matheson come sempre riesce ad essere trasformista in maniera disarmante, cambiando completamente stile di punto in bianco) e che racconta confusamente cinque giorni di vita di una creatura indeterminata. Sappiamo che è grossa, che è forte e che ha il sangue di colore verde. Sappiamo che viene tenuta rinchiusa in una cantina, legata ad una catena troppo fragile per nasconderla ad un mondo che brama tanto di conoscere e di cui vuole essere parte integrante. Chiama i padroni di casa mamma e papà, ricevendo da loro solo sconforto e botte. Una situazione che però non può durare all’infinito, perchè sta per arrivare la goccia che farà traboccare il vaso…

Ritorno

Un anno dopo, 1951 su Thrilling Wonder Stories. Questa volta Matheson ci porta nel futuro tramite i viaggi nel tempo ed i paradossi temporali, ma lo fa a suo modo e cioè con tantissima fantasia, uno stile molto potente nel trasmettere sentimenti ed un totale cambio di prospettiva nel finale. Lo scrittore si immagina un futuro prossimo (1975) in cui dei docenti universitari abbiano recentemente inventato un complicato congegno per i viaggi nel tempo. Via ai test indisciplinati, prima 5, poi 100, poi addirittura 500 anni nel futuro. Il professor Wade lascia la moglie incinta per seguire i suoi sogni e per amore della scienza, ma se ne pentirà… Nel viaggio niente andrà come sperato e il nostro viaggiatore si ritroverà prigioniero in un futuro dove viene visto come patrimonio di studio. Riuscirà a tornare indietro e a riabbracciare l’amata moglie?

Fratello Della Macchina

Di nuovo nel futuro, questa volta nei panni di un robot molto particolare. Pubblicato su Worlds Of If nel novembre 1952, questo racconto ci porta in un futuro non necessariamente auspicabile. A metà tra Io, Robot e 1984, in un mondo totalmente controllato dalle autorità, in cui uomini e androidi convivono e condividono il destino di forza-lavoro a beneficio di una elite al comando. Ogni accenno di opposizione (pure il pensiero del suicidio) viene duramente combattuto. Persino la morte diventa illegale e confinata in luoghi dedicati. In questo paesaggio assistiamo alla presa di coscienza di un robot dai lineamenti umani, un esperimento unico… tanto unico da poter prendere coscienza del cielo. Osteggiato e braccato mentre cerca l’unica via di fuga possibile: la morte…

Con questi 6 racconti concludo la prima parte di questo articolo, altrimenti troppo corposo… un viaggio che mi sta portando in mondi e circostanze fantastiche, chiaro specchio di un’epoca capace ancora di sognare…

About recenslibri