Nell’Erba Alta – Stephen King & Joe Hill

Nell’Erba Alta – Stephen King & Joe Hill 4.00/5 (80.00%) 1 vote

nell'erba-alta-stephen-king-joe-hillShort-story scritta a quattro mani da Stephen King e Joe Hill, alias Joseph Hillstrom King, ovvero il figlio del maestro del brivido. Breve racconto di genere horror ambientato prevalentemente in un prato del Kansas, nel quale l’erba cresce alta e forte, in una distesa apparentemente infinita e senza via d’uscita.

I protagonisti sono due gemelli diciannovenni, Cal e Becky. La ragazza è al sesto mese di gravidanza (nonostante ciò non ha ancora deciso se tenere o meno il bambino).I due sfrecciano sulla loro Mazda lungo le strade deserte, costeggiate da paesi fantasma e dalla vegetazione. All’improvviso vengono fermati dalle grida d’aiuto di un bambino, provenienti da un punto imprecisato dell’altissima distesa d’erba che cresce al lato della strada. Mentre il bambino chiede aiuto, la madre (anche lei persa nell’erba) lo implora di stare zitto, pregando disperatamente i due improvvisati soccorritori di scappare. Ovviamente i due sceglieranno di passare all’azione, inoltrandosi nel prato, ignari del pasticcio in cui si stanno cacciando.

Becky e Cal si perderanno subito di vista e non riusciranno più a ritrovarsi. L’erba sembra viva e stregata, tanto che i ragazzi non riusciranno più (nonostante mille tentativi) a recuperare la strada che porta fuori da quel delirio. Nel prato non si aggirano solo il bambino e la madre, ma anche il padre del primo, minaccioso e affamato, dopo giorni passati a vagare in quella infida distesa d’erba.

Una storia breve ma intensa. Si passa dallo scetticismo all’ansia nel giro di poche pagine, leggendo il racconto tutto d’un fiato, per arrivare all’arrembante finale. I due King si divertono nell’inserire tanto in così poco spazio, arrivando a mischiare l’horror puro con il misticismo classico nordamericano, fatto di antichi spiriti che dimorano nella natura. Ambientazione già vista in qualche altra produzione del genere (mi ricordo, per esempio, un film osceno con dei bambini indemoniati che abitavano nelle distese di grano… ma ho rimosso il titolo) e particolarmente adatta per quelle zone così sperdute e desolate degli Stati Uniti. Un po’ d’azione senza pietà ed un disgustoso epilogo per i nostri protagonisti, portano ad un finale un po’ caotico, ma terribilmente diretto.

Un racconto ben scritto e capace di prendere il lettore, partendo da una situazione semplice (un parcheggio abbandonato ed un prato sconfinato) per finire in un turbolento svolgersi di eventi.

Attenzione però, trattasi di un racconto di 36 pagine (disponibile solo in formato e-book), stile Miglio 81, anche se più corto. Come già successo per il predecessore, molte librerie digitali lo spacciano per un romanzo vero e proprio, vendendolo alla bellezza di 5 euro. Una cosa per me inconcepibile e che potrebbe lasciar deluso qualche male informato.

Attenzione! perchè manca veramente poco, Doctor Sleep sta per arrivare nelle nostre librerie… appuntamento per il 28 gennaio!

About recenslibri